Come raggiungere il Lago di Bordaglia, il lago alpino più bello del Friuli

di Dania
Immagine del Lago di Bordaglia

Avevo spesso sentito parlare di questo laghetto color smeraldo, incastonato in una conca di origine glaciale e circondato dalle alte vette della Carnia.

Il lago di Bordaglia è considerato il più bel lago alpino del Friuli, e credo non ci sia foto che riesca davvero a trasmettere la bellezza, la quiete e la magia di questo posto. L’unico modo è vederlo di persona, affrontanto la facile camminata per  raggiungerlo.

Ecco lo scopo di questo articolo: darvi tutte le info utili sul percorso che attraversa i sentieri CAI 141 e 142  e spiegarvi come raggiungere il lago di Bordaglia.

Camminare in montagna è sempre bello, ma le escursioni che portano ai laghi alpini sono quelle che preferisco. Se siete come me, potrebbe piacervi l’Anello dei Tre Rifugi, che incontra trincee,  valli meravigliose e il lago Volaia.

immagine del lago di Bordaglia in estate
Il Lago di Bordaglia e le montagne che lo circondano riflesse nelle sue acque

Come raggiungere il lago di Bordaglia

Come arrivare a Pierabech

Il percorso parte dal paesino di Pierabech, a pochi km da Forni Avoltri (UD).

Per raggiungere Pierabech bisogna arrivare a Villa Santina e proseguire sulla strada regionale 355, superando i paesi di Ovaro, Comeglians e Rigolato, fino a raggiungere Forni Avoltri. Dal paese seguire verso Pierabech, che dista circa 2 km, poi verso lo stabilimento delll’acqua minerale e la cava di marmo. Qui si può parcheggiare l’auto negli spiazzi lungo la strada sterrata.

I sentieri da Pierabech al Lago di Bordaglia

  • Dislivello  800 m
  • Tempo 1 ora e 45 circa
  •  Difficoltà facile, ma sono comunque 800 m di dislivello in salita; se siete alle prime armi con le camminate in montagna potrebbero esservi utili alcuni consigli per iniziare

Dopo aver parcheggiato la macchina proseguite a piedi sulla carrareccia, pochi metri più avanti girate a destra seguendo il sentiero CAI 141 e attraversate il ponticello di legno sul torrente. Il sentiero è in realtà una ripida strada di servizio che collega i paesi a valle con le casere e risale la montagna con ampi tornanti. Salendo ad un certo punto bisogna prendere il sentiero CAI 142 (segnalato) che lascia la strada e, tagliando i tornanti, sale in modo più diretto verso casera Bordaglia di sotto.

Dalla casera procedete verso la chiesetta e prendete il sentiero che sale ripido sulla sinistra. Questo è un po’ accidentato a causa della tempesta che ha abbattuto parecchi alberi ma è tranquillamente percorribile; non ci vorrà molto a raggiungere casera Bordaglia di sopra.

immagine della cappella di casera Bordaglia di sotto
La chiesetta di casera Bordaglia di sotto

Il lago di Bordaglia e Casera Bordaglia di sopra

Da Casera Bordaglia di sopra avrete una vista meravigliosa sui pascoli e le cime che circondano il lago, che si trova proprio nella conca sotto allo stabile. Per raggiungerlo prendete il sentierino che, appena passata la casera, scende sulla destra.

Eccovi arrivati al lago di Bordaglia, un’oasi di quiete e natura incontaminata. Circondato da verdissimi prati e alte montagne, gli unici rumori che si sentono sono i campanelli delle mucche al pascolo e i fischi delle marmotte.

Il lago si trova all’interno dell’Oasi di Bordaglia, il rifugio faunistico più vasto del Friuli Venezia Giulia, abitata non solo da cervi, camosci e caprioli ma anche da numerosissime marmotte, volpi, faine, galli cedroni e addirittura l’aquila e la pernice bianca.

Immagine della camminata al Lago di Bordaglia
Mucche al pascolo sulla riva del lago

Percorso ad anello dal lago di Bordaglia al Passo Giramondo

Dopo aver visto il lago color smeraldo e la natura bellissima che lo circonda, vi consiglio di fare un’ulteriore breve camminata, di circa mezz’ora, per raggiungere il Passo Giramondo.

Risalite il sentiero che raggiunge la casera e continuate il percorso sul sentiero CAI 142 che attraversa a mezza costa il versante della montagna. Da qui avrete una bella vista sul lago sottostante e, proseguendo verso nord-est, arriverete al Passo Giramondo.

Il Passo Giramondo è un crocevia di sentieri e si trova sul confine tra Italia e Austria. Anche qui la natura è meravigliosa, tra pascoli verdissimi, tante marmotte che sbucano e si nascondono nelle loro tane e una vista a perdita d’occhio sulle vette appuntite. Un’altra caratteristica di questo luogo è il forte vento, che a quanto pare non manca mai.

Immagine di una persona che ammira il lago di Bordaglia
Immagine del lago di Bordaglia in estate

Ritorno a Pierabech da Passo Giramondo

Per completare il percorso ad anello, dopo essere arrivati al Passo Giramondo dovrete tornare un po’ indietro sullo stesso sentiero. Poi, invece di scendere, prendete il sentiero  sulla destra che attraversa il ghiaione della montagna. Praticamente passa più in alto rispetto a quello che avete fatto prima per salire al Passo Giramondo, e vi porterà verso il piccolo lago Pera e Sella Sissanis.

Arrivati al laghetto continuate sul sentiero CAI 142, che scende verso Casera Sissanis di sotto. Il sentiero incontra altri pascoli e diverse polle d’acqua, è abbastanza ripido e dopo la casera si immette nella strada forestale, che vi riporterà al parcheggio.

Immagine del passo Giramondo
Il meraviglioso Passo Giramondo

Altri consigli utili

Questi luoghi sono davvero belli e, di conseguenza, nel fine settimana possono essere piuttosto frequentati. Per vivere al meglio la quiete e la magia del lago di Bordaglia vi consiglio di arrivare presto la mattina, quando sono ancora pochissime le persone in giro.

Se farete tutto il percorso ad anello, che vi consiglio perchè attraversa paesaggi splendidi, tenete conto di queste info:

  • Tempo 5 ore circa di cammino (da Pierabech a Pierabech)
  • Lunghezza 14 km
  • Dislivello 1000 m
  • Difficoltà Escursionistico

Lungo tutto il percorso non ci sono rifugi gestiti, quindi portatevi acqua e magari  qualcosa da mangiare in riva al lago.

Ti potrebbe interessare

2 comments

rudy 31 Ottobre 2021 - 17:47

Complimenti! belle escursioni

Reply
Dania 3 Novembre 2021 - 16:33

Grazie Rudy, mi fa piacere se hai trovato degli spunti interessanti!

Reply

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Ok Leggi di più